sabato 25 giugno 2016

Mestieri di casa - update

Finita la scuola e quindi bimbe a casa da impegnare, Elia con la febbre, viaggio a Roma...in poche parole il tempo per il blog non c'è stato ultimamente e come sempre d'estate la maggior parte dei progetti rallentano e i propositi si rimandano a settembre...mi sa che questo post sarà l'ultimo per un bel po'. 



Su una cosa comunque siamo stati di parola in queste settimane: abbiamo cominciato ad affrontare insieme i lavori domestici.

Mi piace questa spiegazione sul perchè coinvolgere i bambini nei lavori di casa della psicologa e psicoterapeuta Francesca Broccoli (dell'articolo "Vuoi che i tuoi figli siano felici? Insegna loro i mestieri di casa"): 
“Se in famiglia si considerano i bambini partecipi fin da piccoli e si coinvolgono per quanto possibile in relazione all’età, significa che nella mente dei genitori c’è da subito lo spazio per stimolarli all'autonomia, all’operatività, alla partecipazione attiva”. Insomma, il messaggio che passa è: hai tutti i numeri per farcela, quindi provaci e ci riuscirai. Viceversa, esonerare qualcuno dal fare qualcosa è profondamente dannoso: “Perché non solo gli impedisce di imparare, ma gli rimanda il messaggio che non è in grado di farlo e non ha nemmeno valore provarci”.



In quest'ottica abbiamo affrontato i seguenti lavori per adesso: abbiamo lavato tutti i vetri di casa, spolverato ogni superficie, lavato le scale, passato l'aspirapolvere, fatto babysitting a Elia e riordinato i propri comodini e scrivanie. 

Inoltre abbiamo convenuto insieme una paghetta di 5 euro a settimana per ogni bimba, perchè per quanto aiutare in casa sia un dovere, è anche giusto premiare l'impegno e la costanza...e se contiamo che ci saranno 3 mesi di vacanze, alla fine dell'estate le bimbe avranno da parte un bel gruzzoletto. 

Com'è difficile però crescere dei figli! Un po' devi insegnare loro, un po' devi imparare da loro, a volte servono dei premi, a volte delle punizioni, un po' li devi trattenere, un po' li devi lasciare andare...è tutta una questione di equilibrio e di pazienza. Vi lascio con questo scritto di Pino Pellegrino che mi è capitato di leggere ultimamente e che mi è tanto piaciuto: 
Educare i figli è come tenere in mano una saponetta bagnata: se la stringi troppo, schizza via; se la stringi troppo poco, non la tieni in mano. 
 Educare è come costruire un capolavoro di equilibrio!
Educare è come insegnare ad andare in bicicletta: il bambino ha bisogno di essere sorretto e , al tempo stesso, di essere libero. 
Come la lavanda diventa fieno se le togli il profumo, così l'educazione diventa allevamento se le togli i Valori. 
Con queste belle immagini vi auguro una buona estate con i vostri bambini...quando riuscirò darò un cenno di vita e vi racconterò come prosegue il nostro gioco di equilibrio giornaliero ;-) 


venerdì 10 giugno 2016

Riskia il gusto

Finita la scuola da noi di solito si comincia a pensare ad organizzare la festa di compleanno di Lily. Quest'anno le piacerebbe avere una "festa a sorpresa"...amici nascosti che urlano "Sorpresa!" e passano un bel pomeriggio con te è una di quelle esperienze che non si dimenticano. 
Sto quindi cominciando a pensare ai giochi da fare e vedendo i bambini giocare in giardino qualche giorno fa mi è venuta un'idea che ora vi racconto. 



domenica 5 giugno 2016

Smile Baby!


Sfogliando con i bambini un vecchio album di fotografie siamo arrivati a questa immagine e ho raccontato loro la storia del "Smile baby"

Eravamo a Parigi a festeggiare il nostro primo anniversario di matrimonio.

lunedì 30 maggio 2016

Cambiare

Che ridere! Qualche settimana fa ho ritrovato un'amica conosciuta ad un campeggio estivo per ragazzi nel lontano 1998 e mai più rivista. Sapendo che dovevamo vederci lei ha fatto la mia descrizione al marito così come mi ricordava: testa tra le nuvole, capelli biondi lunghi fino al sedere, pantaloni a zampa d'elefante e zeppe ai piedi. 
Quando poi ci siamo incontrati la mia amica stentava a riconoscermi e il marito mi ha chiesto se eravamo sicuri che ero la stessa persona di cui aveva ricevuto la descrizione. 



Effettivamente se guardo le foto di 18 anni fa, quando avevo la metà degli anni che ho adesso, qualche differenza la noto anch'io...e non parlo solo dell'aspetto esteriore! 

mercoledì 25 maggio 2016

Lavori domestici per figli


Ultimamente avere tempo da dedicare ad altre cose che non siano accudire la mia famiglia è diventata un'impresa: Elia dorme meno, le giornate belle ci portano a stare sempre fuori e il mangiare sano richiede molto più impegno di quanto previsto. 
Nonostante ciò non mi voglio perdere d'animo e ho già in mente un progettino per l'estate che coinvolgerà me e i bambini e che, spero, mi aiuterà a ritagliarmi di nuovo del tempo extra. 
Il progetto è banale:

giovedì 19 maggio 2016

99 Cose che dovreste assolutamente fare con i vostri bambini


Un libro nella mia libreria che ogni tanto sfoglio per trarne ispirazione si intitola "99 Cose che dovreste assolutamente fare con i vostri bambini" di Bordon, Winters, Wenserit (ho la versione tedesca ma l'originale è in inglese, purtroppo non so se esiste in italiano). 

martedì 17 maggio 2016

Vita abbondante


"Some people wait al week for Friday, all year for summer, all life for happiness."  (Becoming minimalist)
Traduzione: "Alcune persone aspettano tutta la settimana che arrivi il venerdì, tutto l'anno che arrivi l'estate, tutta la vita che arrivi la felicità."

Qualche giorno fa parlavo con una conoscente che mi confessava la fatica che fa durante la settimana tra lavoro, faccende domestiche, figli da portare alle attività pomeridiane, la spesa da fare, i compiti da seguire....e poi ha concluso il suo discorso con questa frase: ma per fortuna poi arriva il venerdì sera

E' un triste modo di vivere quello nostro in realtà: sopravvivere 5 giorni per poi viverne 2. 

venerdì 13 maggio 2016

Regalare soldi - Money gift

In questo periodo di matrimoni, comunioni e nascite c'è spesso il bisogno di regalare qualche soldino...ma non sempre si sa come farlo in maniera carina. 
Ecco un'idea che ho trovato su pinterest e che ho subito sfruttato per qualche nipotino, ma che anche per altre occasioni potrebbe andare bene, magari variando il tipo di cioccolatini (ad esempio usando i Baci perugina per degli sposi).



mercoledì 11 maggio 2016

Stampiamo con le patate


Ultimamente c'è proprio poco tempo per la creatività a casa nostra, ma una cosa l'abbiamo realizzata tutti insieme per la tavola del compleanno del papà: una tovaglia. 

Abbiamo preso un lenzuolo bianco e lo abbiamo tagliato a metà: misura perfetta per il nostro tavolo della cucina. 
Poi ci siamo armati di coltellino e taglierino per ritagliare delle sagome sulle patate e ci siamo creati degli stampini. 

lunedì 9 maggio 2016

Il mio matrimonio di Giovanni e Francesca

Non scrivo per una testata giornalistica e tanto meno sono amante del gossip, ma in così tanti avete chiesto di raccontarvi il matrimonio di Giovi e Franci che ho pensato di buttare giù due righe e di mostrarvi qualche foto. 

Ho intitolato il post -Il "mio" matrimonio di Giovanni e Francesca- per sottolineare il fatto che tutto ciò che leggerete è frutto del mio vissuto personale e sarà quindi molto soggettivo, ricco di dettagli che riguardano la mia famiglia ma sicuramente non esaustivo e preciso come potrebbe essere una narrazione fatta da una persona competente in materia. 


Eccoci in arrivo con il nonno